centodieci“110”miliardi spesi ogni anno dagli italiani in polizze assicurative: ecco come!

Giovedì
16:36:09
Giugno
19 2008

centodieci“110”miliardi spesi ogni anno dagli italiani in polizze assicurative: ecco come!

69 miliardi di euro per il ramo vita, 37 per il ramo danni di cui 18 miliardi per la r.c. auto, ma il mercato è sbilanciato tra Nord e Sud e in Italia manca la cultura del rischio. Sono aumentati, negli ultimi anni, i premi delle polizze r.c. auto: +43% al Centro, Sud e Isole, con record in Campania. Sono alcuni dati di uno studio dellIrat Cnr

View 131.3K

word 666 read time 3 minutes, 19 Seconds

Roma: Mercato assicurativo sbilanciato nel Paese: al Sud troppa e cara la r.c. auto (responsabilità civile auto). Italia sottoassicurata per mancanza di cultura del rischio. Aumentati di oltre il 43%, negli anni 2000-2006, i premi per la r.c. auto nel meridione. Più contenuto, invece, laumento nelle regioni settentrionali, +20,7%, ed in quelle centrali, +32,7%. Sono alcuni dei dati che emergono da una ricerca sugli effetti che le innovazioni tecnologiche producono in ambito assicurativo, condotta da Antonio Coviello, docente di Marketing Assicurativo nella Seconda Università di Napoli e ricercatore presso lIstituto di ricerche sulle attività terziarie (Irat) del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Napoli.
“Il fenomeno delle frodi nel ramo r.c. auto, in particolare nel Sud”, spiega Coviello, "contribuisce a far innalzare i premi con pesanti ricadute sociali sugli automobilisti. Infatti, la variazione dei premi nel periodo 2000-2006 rilevata dai dati ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo), ci conferma che la regione Campania - dove si registra il maggior numero di frodi - presenta lincremento dei premi del +43,4% (+4,4% la variazione solo tra il 2005 ed il 2006), più elevato rispetto al Piemonte (+19,1%) ed al Veneto (+24,3%), che nel 2000 avevano una produzione simile a quella campana. Più in generale, laumento medio dei premi r.c.a., tra il 2000 ed il 2006 è stato del 20,7% nellItalia del Nord (unica zona italiana che registra un -0,9% tra il 2005 ed il 2006, contro aumenti generalizzati - anche se minimi- delle altre zone), del 38,7% nel Centro, del 43,2% nel Sud e 42,9% nelle Isole, per una media nazionale pari al 28,5%“.
Ma quanto e come spendono gli italiani in assicurazioni? “AllItalia meridionale”, continua l’esperto, "è riferibile il 12,54% della produzione nazionale dei rami vita (che ammonta a oltre 69 miliardi di euro totali annui, il 14,02% di quella dei rami danni (oltre 37 miliardi di euro totali), il 19,75% di quella del ramo r.c.auto (oltre 18,4 miliardi di euro); in particolare lincidenza del ramo r.c.auto sui rami danni è del 68,87 al Sud. Il confronto di tali dati con quelli delle regioni del Nord Italia, rispettivamente il 57,46%, il 54,10%, il 47,15% e 47,5%, evidenzia una composizione del portafoglio molto differenziata“.
In relazione alla distribuzione provinciale dei premi, nei ‘rami danni le province che registrano il maggiore volume di premi sono Milano (11,4% del totale nazionale), Roma (9,2%), Torino (4,6%), Napoli (3,2%). Nel ramo r.c.auto le province che registrano la maggiore raccolta premi sono Roma (8,3% del totale nazionale), Milano (7%), Napoli (4,4%), Torino (3,9%). Il mercato assicurativo napoletano risulta nel 2006 tra i primi quattro più importanti dItalia, con una produzione di 2 miliardi di euro nei rami vita, 1,2 miliardi nei rami danni e 0,81 miliardi nel ramo r.c.auto, per una raccolta premi totale di 3,2 miliardi di euro.
“Il mercato assicurativo meridionale dei rami danni nel 2006”, precisa Coviello, "è sostanzialmente legato alla copertura r.c.auto (69,87%) ma vi è assoluta dipendenza da tale ramo in Campania dove il 71,98% dei premi dei rami danni è costituito dalle polizze r.c.auto. Nelle regioni dellItalia settentrionale, invece, assume un peso predominante la produzione dei rami vita e il portafoglio dei rami danni è più equilibrato risultando maggiore lincidenza della produzione degli altri rami danni e più contenuto il peso del ramo r.c.auto (solo il 47,5%) sul totale dei rami danni“, conclude il ricercatore.
La scheda
Che cosa: studio Cnr sulla dinamica degli aumenti Rc auto negli ultimi anni
Chi: Istituto di ricerche sulle attività terziarie del Cnr (Irat-Cnr) di Napoli
Per informazioni: Antonio Coviello, Irat-Cnr, Napoli, tel. 081.2470956, e-mail: a.coviello@irat.cnr.it, a.coviello@unisa.it
Ufficio Stampa Cnr: Rosanna Dassisti, tel. 06.4993.3588, e-mail: rosanna.dassisti@cnr.it
Capo UfficioStampa: Marco Ferrazzoli, tel. 06.4993.3383, e-mail: marco.ferrazzoli@cnr.it

Source by CNR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / centodie...cco come!